Pensioni
APE SOCIALE PROROGATA AL 31 DICEMBRE 2021
img
 

APE SOCIALE PROROGATA AL 31 DICEMBRE 2021

La Legge di Bilancio 2021 ha prorogato fino al 31 dicembre 2021 l’indennità APE Sociale, che consente al lavoratore di ritirarsi in anticipo dal mondo del lavoro e lo “accompagna” fino all’età prevista per la pensione di vecchiaia, cioè 67 anni.

L’APE Sociale può essere richiesta da tutte le categorie di lavoratori dipendenti, da quelli autonomi – come artigiani, commercianti e coltivatori diretti – e dagli iscritti alla Gestione Separata.
Per poter accedere all’indennità, i richiedenti devono rispettare determinati requisiti: aver compiuto 63 anni di età, far valere almeno 30 anni di contributi, oppure 36 anni nel caso siano stati lavoratori addetti ad attività “gravose”.
A favore delle lavoratrici madri, i requisiti contributivi sono ridotti di 12 mesi per ciascun figlio, fino ad un limite massimo di 2 anni.

L’APE Sociale spetta ai lavoratori appartenenti alle seguenti categorie:(per leggere tutto l’articolo clicca sul titolo)

 Disoccupati a seguito di licenziamento, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale, oppure per scadenza del termine del contratto a tempo determinato con almeno 18 mesi di lavoro negli ultimi 3 anni, che abbiano terminato da almeno 3 mesi di usufruire della prestazione di disoccupazione;
 Lavoratori che assistono da almeno 6 mesi il coniuge, un parente di primo grado convivente con handicap grave, oppure un parente o un affine entro il secondo grado convivente;
 Invalidi civili, con un grado di invalidità accertata pari o superiore al 74%;
 Lavoratori dipendenti che svolgono da almeno sette anni negli ultimi dieci, o sei anni negli ultimo sette, attività lavorative cosiddette “gravose”, per le quali è richiesto un impegno tale da rendere particolarmente difficoltoso e rischioso il loro svolgimento in modo continuativo.

L’APE Sociale è erogata per 12 mensilità, per un importo massimo di 1.500 euro mensili. Non è previsto il pagamento degli assegni al nucleo familiare e l’indennità non è reversibile in caso di decesso.
I termini per la presentazione delle domande sono: 31 marzo, 15 luglio o 30 novembre.

 

Una consulenza personalizzata
Gli operatori del Patronato ACLI sono a tua disposizione per una consulenza previdenziale personalizzata e per assisterti in tutte le fasi di presentazione della domanda di pensione, perché nulla va lasciato al caso. Trova la sede più vicina nella tua provincia e contattaci via telefono o via mail, oppure prenota un appuntamento: ti aspettiamo!

Segnala la notizia Segnala questa notizia
Versione stampabile Versione stampabile
Iscrizione Mailing List Iscriviti alla mailing list